Archivi tag: Risultati

Errori dei valutatori di progetti europei (esempi 23 e 24)

Errori dei valutatori di progetti europei (esempi 23 e 24)

24. Categoria di errore: punti di vista opinabili
Tipo di programma: Erasmus+ Partenariato strategico
Numero identificativo del progetto: 2016-1-PL01-KA204-026064
A quale parametro di valutazione si riferisce e cosa scrive il valutatore: Alla voce Quality of the project design  and implementation il valutatore scrive: ‘According to the information in the chart there are several months when there are no content-wise activities planned at all. At the same time, the new training programme is planned to be finalised in mid-2017 and then to be a subject to a pilot in the 10th month of the project. It is not clear why the rest of the project activities is planned for 14 months. It is therefore not clear why the whole project was planned for 24 months. A reduction of project implementation period down to 18 months is recommended.’
Perché è una stupidaggine:  dei 14 mesi residui M11-M24, 6 mesi (M12-M16) servono per sperimentare sul campo la versione 1 degli output ptodotti, 3 mesi (M17-M19) per produrre la versione 2 degli output sulla base dei risultati della sperimentazione, 5 mesi (M20-M24, anche se in realtà si tratta di 3 mesi ‘veri’, perché M20 è Luglio e M21 Agosto, dove la disseminazione si fa male), per disseminare la versione definitiva degli output. Non è vero così che a partire da M10 non ci sono più attività ‘content wise’. Inoltre riducendo il progetto di 6 mesi vengono tagliate tutte le attività di disseminazione dei prodotti finiti.

23. Categoria di errore: il valutatore legge il formulario di corsa e limitato quoziente intellettivo
Tipo di programma: Erasmus+ Partenariato strategico
Numero identificativo del progetto: 2016-1-PL01-KA204-026064
A quale parametro di valutazione si riferisce e cosa scrive il valutatore: Alla voce Quality of the project design  and implementation il valutatore scrive: ‘the provided description of the project activities presented in the attached chart is contradictory with the information presented in the application. For example, the intellectual output O1, according to the information in field G.1. is supposed to be elaborated from December 2016 until April 2018, while according to the information in the chart it will be done in February 2017 and in April 2018.’
Perché è una stupidaggine: tutte le date sono corrette, solo che il valutatore non se ne rende conto. L’output 01 è elaborato in versione 1 prima della sperimentazione sul campo e poi finalizzato in versione 2 dopo la sperimentazione. La lavorazione della versione 1 inizia a Dicembre 2016 e l’output è pronto a Febbraio 2017. Poi la lavorazione (per la realizzazione della versione 2) prosegue fino alla consegna della versione 2 nell’Aprile 2018.  Il campo G.1. indica le date di inizio e fine dello sviluppo dell’output intellettuale e le date di consegna (che il valutatore non vede); il cronogramma allegato al formulario solo le date di consegna.

Vedi l’elenco completo a questa pagina.

Articolo contenuto sul sito www.aiuto.net. Autore © Leonardo Evangelista.  Vedi Informativa privacy, cookie policy, copyright e limitazione responsabilità.

Risultati Knowledge Alliances-Sector Skills Alliances 2016 

Knowledge Alliances-Sector Skills Alliances 2016 – Education, Audiovisual and Culture Executive Agency

Vedi alla pagina: Knowledge Alliances-Sector Skills Alliances 2016 – European Commission

Come cambiano i partenariati strategici Erasmus+

Come cambiano i partenariati strategici Erasmus+

erasmus+ multicoloreCome sappiamo Erasmus+ è il programma a ‘gestione diretta’ dell’Unione Europea che finanzia fra le altre cose progetti su sport, giovani, e educazione in senso ampio, principalmente fra organizzazioni di paesi europei. Il programma è suddiviso in varie ‘azioni’ che finanziano attività specifiche, ad esempio l’azione partenariati strategici finanzia progetti di collaborazione su temi educativi e giovani. Fin dal 2014, quando è uscito il programma Erasmus+, i partenariati strategici sono stati suddivisi in progetti di semplice cooperazione (che servono principalmente e a permettere lo scambio di esperienze) e progetti di sviluppo di metodologie e prodotti innovativi. Nei progetti di semplice cooperazione per ogni anno di durata (i progetti possono arrivare fino a 3 anni) il soggetto che presenta il progetto ottiene un budget di circa 10.000 €  e ogni partner circa 5.000 € . Nei progetti di sviluppo dell’innovazione queste cifre possono raddoppiare, triplicare o aumentare ancora di più a seconda dell’impegno richiesto per lo sviluppo delle metodologie e dei prodotti innovativi.

Nei primi due anni del programma (2014 e 2015) i progetti di semplice cooperazione e quelli di sviluppo dell’innovazione sono stati valutati assieme, in una graduatoria unica. Poiché l’impegno per costituire il partenariato e compilare il formulario è grossomodo lo stesso, non sorprende che gli anni scorsi la stragrande maggioranza dei progettisti ha presentato quasi esclusivamente progetti di sviluppo dell’innovazione.

Nel 2016 per la prima volta le due tipologie di progetto sono stati valutate separatamente, con due graduatorie distinte e due linee di finanziamento diverse. A livello europeo ai progetti di semplice cooperazione è stato destinato circa un terzo del finanziamento totale previsto per i partenariati strategici. Per fare un esempio, in Italia l’Agenzia Nazionale INDIRE ha previsto di assegnare ai progetti di semplice cooperazione relativi agli adulti il 35%, pari a circa 1,5 milioni di €,  del totale disponibile, e 3 milioni di € ai progetti di sviluppo dell’innovazione.

I risultati di questa nuova impostazione sono stati in alcuni casi clamorosi: ad esempio per i partenariati strategici relativi agli adulti presentati alla scadenza 31 marzo 2016 il tasso di successo dei progetti di sviluppo dell’innovazione è rimasto molto basso, al 9% (anche in virtù della ripartizione del finanziamento fra le due tipologie di progetti) con un punteggio minimo per ottenere il finanziamento di 92,5/100. Al contrario, il tasso di approvazione dei progetti di semplice scambio è stato del 78% (18 progetti approvati su 25 presentati), e sono stati approvati vari progetti di scarsa qualità, con punteggi sotto 70/100.

Dunque alle tante novità apportate dal nuovo programma Erasmus+ da quest’anno si aggiunge, per la gioia dei progettisti, un ulteriore elemento di complessità.

Per rimanere aggiornato sulle novità dei programmi europei puoi sottoscrivere la mia newsletter gratuita dalla prima pagina (in altro a destra) del mio sito www.aiuto.net.

Articolo contenuto sul sito www.aiuto.net. Autore © Leonardo Evangelista.  Vedi Informativa privacy, cookie policy, copyright e limitazione responsabilità.

Castronerie dei valutatori di progetti europei (18)

Castronerie dei valutatori di progetti europei (esempi 18 e 19)

Stanno arrivando le valutazioni dei progetti di partenariato strategico e, all’interno, ogni tanto troviamo delle perle. Un paio delle ultime in un progetto valutato da INDIRE:

1. l progetto aveva a budget una somma per eventuali costi di fideiussione. Il valutatore scrive: ‘Si fa notare che l’Agenzia Nazionale non ha richiesto garanzie finanziarie’

Perché è una castroneria: perché la fideiussione viene richiesta dal’Agenzia Nazionale (che decide sulla base dei dati di bilancio dell’applicant) solo DOPO che il progetto è stato approvato, mentre qui siamo ancora in fase di valutazione del progetto stesso. Il valutatore dimostra così di non conoscere il processo di contrattualizzazione, che non è una ignoranza da poco, e soprattutto riduce erroneamente il punteggio a un progetto che non è stato approvato per appena 1,5 punti.

2. Lo stesso valutatore critica che nel budget sia stata inserita una somma per la stampa di uno degli output intellettuali, argomentando che ‘i costi di stampa rientrano nelle spese di project management’.

Perché è una castroneria: perché  i costi di stampa di prodotti prodotti intellettuali di valore europeo sono spese eventuali e condizionate allo sviluppo dei prodotti intellettuali stessi, perciò non possono essere considerati ricompresi all’interno del budget per la gestione del progetto, che copre invece le spese ordinarie che tutti i progetti devono sostenere. Secondo la Erasmus+ Programme Guide Version 2 (2016): 07/01/2016, p.118 lo sviluppo di learning/teaching/training materials è coperto dal budget per il project management solo in progetti di piccola scala (cioè di semplice cooperazione, senza sviluppo di prodotti intellettuali di valore europeo).

Questo articolo va letto assieme a Perché i progetti validi vengono bocciati?Da ridere / da piangere: lo sciocchezzaio dei valutatori dei progetti europeiCome sono selezionati i valutatori dei progetti europei?Cos’è l’effetto aureola e in che modo distorce le valutazioni dei progetti europei

Articolo contenuto sul sito www.aiuto.net. Autore © Leonardo Evangelista.  Vedi Informativa privacy, cookie policy, copyright e limitazione responsabilità.

Farsi approvare progetti europei è diventato più difficile?

Questo sito è stato trasferito all’indirizzo www.servizieuroprogettazione.it

 

Tutti i risultati dei progetti E+ Giovani presentati in Italia nel 2015

tutti i risultati sono accessibili da questa pagina.

Sorgente: Agenzia Nazionale Giovani

Tassi europei di approvazione Erasmus+

Tassi europei di approvazione Erasmus+ 2014

La Commissione ha reso noto i tassi europei di approvazione del rpogramma Erasmus+ per l’anno 2014.

Tassi approvazione E+

Come è possibile vedere, si tratta di tassi in alcuni casi di tassi bassi, soprattutto sull’Azione chiave 2. Particolarmente bassi i progetti  indirizzati ai giovani.

Molto più alti i tassi per Azione chiave 1.

Va considerato anche che si tratta di dati a livello europeo; le percentuali a livello naazionale possono essere state più alte o più basse.

In ogni caso è previsto che nei prossimi anni il finanziamento cresca progressivamente, in modo da finanziare un numero maggiore di progetti.

E+ rise of budget

Articolo contenuto sul sito www.aiuto.net. Autore © Leonardo Evangelista.  Vedi Informativa privacy, cookie policy, copyright e limitazione responsabilità.